Domenica 23 Settembre 2018 – IL COLLIO SLOVENO

Programma:
Percorso ad anello che fa capo a Gorizia e si sviluppa nel Collio italo-sloveno. Dalla stazione ferroviaria prenderemo dopo circa 2 km la bellissima ciclabile lungo I’Isonzo fino a Plave, per salire poi su strada carrozzabile verso le alture del Collio Sloveno su strada a traffico moderato. La salita è lunga circa 3 km, ma dolce. Continuando sulle strade in collina con ampie vedute panoramiche e paesi immersi tra i vigneti, arriveremo a Dobrovo e subito dopo a Medana dove effettueremo la sosta pranzo al sacco o nei locali tipici del posto. Dopo esserci rifocillati riprenderemo, con vari saliscendi di breve durata, la nostra pedalata passando per Zali Breg, Breg, Kozana, Vipolze fino al confine italiano e, superate le ultime salite, da Giasbana scenderemo verso Gorizia.
Iscrizioni: in sede a Mogliano : giovedì 17,30-19 oppure contattando i referenti o via mail.
Dire chi ha disponibilità di posti auto per persona + bici e chi chiede invece il posto auto.
Costo: contributo FIAB soci € 3,00 - non soci euro 8,00 comprensivo di assicurazione RC e pol. infortuni.
Saremo in SLOVENIA pertanto documenti validi per l'espatrio in corso di validità.
In caso di METEO avverso la gita sarà rinviata a data da destinarsi.

 

Ritrovo in auto: park di fronte

COOP a Mogliano Via Ronzinella ore 7:00.

A Gorizia comodo parcheggio gratuito vicino la

stazione in Via Duca D’Aosta angolo Via Ariosto.

RITROVO PER TUTTI A GORIZIA: davanti la

stazione treni ore 9:25

Lunghezza : Km 57.

Dislivello : mt. 800 circa-saliscendi molto tranquilli.

Fondo stradale : asfalto 100%

Pranzo: al sacco o in localini tipici a MEDANA.

Difficoltà: medio.

Bici: perfetta la bici da strada, ma ok anche altre purché

con cambi e in ordine.

Dotazioni : camera d'aria di scorta e casco.

Durante le escursioni si è tenuti a rispettare il codice della strada. L'uso del casco è vivamente consigliato. Chi supera la guida di testa o si attarda dietro la coda, senza avvisare, è considerato estraneo alla gita.
L'associazione declina ogni responsabilità per danni recati a cose e persone.
La cicloescursione non è un'inziativa turistica, bensì un'attività esclusivamente ricreativa, ambientale e culturale organizzata da volontari e svolta per il raggiungimento degli scopi statutari dell'Associazione.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.