22 – 29 luglio 2017 – Ungheria insolita: EuroVelo13 la ciclabile della Cortina di Ferro e il lago di steppa Neusiedlersee

Un percorso storico-naturalistico che corre lungo il confine Austria-Ungheria. Percorriamo parte della Eurovelo 13 la recente pista ciclabile della “Cortina di ferro” ovvero quella linea di confine fatta di fili spinati e torrette di avvistamento che un tempo divideva l’Europa in Est ed Ovest. Lunga in tutto 10.400 km, l’Eurovelo 13 attraversa 20 paesi europei, tocca 14 siti Unesco con inizio a nord sul Mare di Barentz e termine a sud sul Mar Nero. Lungo tutto l’itinerario è facile incontrare deviazioni di percorso e altre piste da seguire, e trovandosi su un territorio di confne lo sconfinamento è necessario ed inevitabile. Percorrere la Eurovelo 13 è come assistere ad una lezione di storia dove la bicicletta è l’occasione d’incontro tra popoli e terre tormentate dalla storia. Lungo la Cortina, l’impossibilità di costruire ha trasformato il confine in una zona verdissima, motivo per cui dopo la caduta del Muro il mondo ha iniziato a chiamarla la cortina verde.
La parte meridionale del nostro percorso inizia subito dopo aver valicato il confine ungherese. Ci troviamo immersi nel Parco Nazionale Orsegi in una zona collinare con la costante presenza di luoghi termali. In seguito piegheremo decisamente a nord per giungere all’abbazia di Jak, uno degli edifci romanici più importanti in Ungheria. Inforcate nuovamente le biciclette costeggiando il confne austriaco, raggiungeremo la graziosa cittadina di Koszeg rimasta intatta nella sua architettura. Continuando il nostro percorso verso nord ci attende il giorno più impegnativo della settimana: zigzagando tra Austria e Ungheria sempre seguendo la EuroVelo13, la tappa ci condurrà all’incantevole Sopron. Da qui dedicheremo un giorno alla visita della Versailles ungherese per poi ripartire verso nord fno a raggiungere l’ameno borgo di Rust, città delle cicogne. Ci troviamo di nuovo in Austria sulle rive del lago di steppa Neusiedlersee circondato da una fascia di canneti larga fino a 5 km che copre metà della sua superfcie. Quest’ultimo offre rifugio a più di 250 specie di uccelli ed è Patrimonio Unesco. Attraversiamo il lago con un battello per raggiungere la riva orientale. Lungo la ciclabile B10 tra i canneti, costeggeremo il lago in direzione nord arrivando a Bratislava, meraviglioso spartiacque tra antico e moderno e termine del nostro viaggio.
Totale km: circa 350
Difficoltà: media, adatta a ciclisti con un minimo di allenamento
Percorso:
– strada asfaltata poco traffcata con segnaletica per la bicicletta riportata sull’asfalto.
– Pista ciclabile asfaltata e sterrata. A tratti corre a lato della strada, altre volte su sterrato in mezzo al bosco, ben segnalata con cartelli EV13 Iron Curtain Trail ad ogni deviazione.
sabato 22 luglio 2017 Mogliano Veneto – Parco Nazionale Orsegi – Szentgotthard (Ungheria)
Percorso con mezzi riservati e carrello bici 460 km: in bicicletta 25 km circa: dislivello di circa 150 mt
Incontro dei partecipanti a Mogliano Veneto. 06:00 partenza per l’Ungheria in direzione del Parco nazionale Orsegi nella regione più occidentale dell’Ungheria che confina con l’Austria. Natura incontaminata, branchi di caprioli, lepri e varie specie di avifauna, il parco è anima rurale e fore all’occhiello della nazione. Arrivo nel primo pomeriggio. In sella alla nostra bicicletta, percorriamo alcune piste all’interno del parco. Su richiesta possibilità di raggiungere in bicicletta la località di Szentgotthard, località termale, e nostra sistemazione. Cena e pernottamento nei dintorni di Szentgotthard.
Domenica 23 luglio 2017 Szentgotthard – Abbazia di Jak – Narda – Boszok – Velem – Koszeg
Percorso: 50 km circa, dislivello 310 mt
Prima colazione. Con i nostri mezzi privati raggiungiamo l’abbazia benedettina di Jak, uno degli edifici romanici più suggestivi di tutta l’Ungheria. Visitiamo l’Abbazia. L’elemento più bello di questa chiesa è costituito dal portale in pietra un capolavoro scolpito su 12 livelli. L’abbazia risale al 1256 e nei primi anni del ‘900 è stata completamente restaurata dallo stesso architetto che progettò il Bastione dei Pescatori di Pest a Budapest. Inforcate le bici seguiamo subito la EV13 che corre su strada normale poco trafficata costantemente segnalata dal simbolo della bicicletta sull’asfalto.
Saliamo verso Bucsu lungo il confine con l’Austria in un saliscendi dolce con un bel panorama. Siamo all’interno del parco Naturale Irottko. Raggiungiamo il piccolo borgo di Boszok dove è d’obbligo una tappa nella Konditorei più famosa del paese. Incredibile ma vero, qui il caffè è delizioso e così anche le numerose torte. Siamo davanti ad un tripudio di cioccolato, panna e frutti di bosco, Krapfen ripieni o senza marmellata, pastine di ogni genere e brioche dolci e salate. Il locale e il paese sono molto frequentati dagli austriaci in vacanza.
Poco più avanti, a Velem seguiamo una pista ciclabile molto bella che passa in mezzo a paesini di campagna e in 5 km raggiungiamo la cittadina di Koszeg. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.
Lunedì 24 luglio 2017 Koszeg
Percorso: 30 km circa, dislivello 300 mt
Prima colazione. Alla scoperta di Koszeg, questa tranquilla cittadina denominata “scrigno della nazione” un appellativo che riscontreremo subito passeggiando per le vie del centro storico. Edifici gotici, rinascimentali, barocchi ci accompagnano in questa passeggiata guidata. Il castello domina la città vecchia con le sue 4 torri. Trascorriamo il pomeriggio nei dintorni di Koszeg, nel Parco Naturale di Irottko, che offre un gran numero di opportunità agli amanti dell’escursionismo. Pomeriggio in bicicletta lungo le piste ciclabili del Parco Irottko, oppure a piedi lungo i sentieri che portano al Monte Irottko (alt. 884mt). Cena e Pernottamento.

Martedì 25 luglio 2017 Koszeg – Sopron

Percorso: 60 km circa in bicicletta, dislivello 600 mt
Prima colazione. Giornata impegnativa. Paesaggio molto variegato. Con un breve tragitto raggiungiamo la EV13. Saliamo su un percorso sterrato in mezzo al bosco che si dirige verso il confine austriaco. La EV13 è ben segnalata e non ci si può perdere. Paesaggio da favola, sembra un bosco di betulle in Russia.
Alla fine del bosco in discesa raggiungiamo il primo minuscolo paese. Ne attraversiamo altri come Zsira e il suo bel castello e Und. La EV30 va di qua e di la del confine. Ora siamo in piena pianura pannonica in Austria e non si vedono colline all’orizzonte. Ad un certo punto iniziano i vigneti e le colline e dopo poco rientriamo in Ungheria. Manca qualche km a Sopron. La pista ciclabile ci porta diritti in centro storico a Sopron e in pochi minuti raggiungiamo il nostro hotel. Cena e pernottamento.
Mercoledì 26 luglio 2017 Sopron – Fertod Residenza del Conte Estherazhy – Fertod – Sopron
Percorso: 50 km circa, dislivello quasi pianeggiante
Prima colazione. Alla scoperta di Sopron, antica provincia dell’impero romano, una delle cittadine medievali più suggestive di Ungheria che conserva numerosi siti di interesse storico. La sua città interna, Belvaros, è ancora intatta ed è un vero piacere passeggiare nelle sue vie acciottolate.
La città è conosciuta come la più fedele dell’Ungheria, in quanto nel 1921 con un referendum, la popolazione di Sopron scelse di rimanere in Ungheria invece di essere assorbita dall’Austria, dopo il trattato di Trianon. Nel pomeriggio riprendiamo le nostre bici e partiamo lungo la EV13 che ci porta alla residenza magiara del conte ungherese Esterazhy una delle famiglie nobiliari più importanti, chiamata la Versailles d’Ungheria. Rientro a Sopron lungo una pista che ci porta a sfiorare il Lago di steppa Neusiedler nella parte ungherese.
Cena e pernottamento.
Giovedì 27 luglio 2017 Sopron-Rust-Morbisch/ battelo per Illimitz-Riserva Lange Lacke–dintorni di Podersdorf am see (A)
Percorso: 50 km ca Dislivello: 300 mt, primo tratto in salita fino a Rust, poi pianeggiante
Prima colazione. Lasciamo Sopron. In bicicletta lungo un tratto in salita della EuroVelo13 raggiungiamo il confine austriaco ed entriamo a Rust la città delle cicogne. Passeggiando lungo le stradine di Rust ci si accorge dell’importanza che la cittadina ebbe in passato come centro vinicolo: il centro storico conserva molte belle case rinascimentali e barocche accuratamente conservate e restaurate del ‘600 e del ‘700, tipicamente ungheresi con portoni ad arco dove passavano i carri con l’uva e con le botti, con cortili porticati e soffitti a volta. A Rust il vino è onnipresente. Il borgo è famoso anche per le cicogne che arrivano a fine marzo, dopo circa tre mesi di viaggio, e ripartono attorno alla fine di agosto.
Raggiungiamo in bicicletta il molo di Morbisch e ci imbarchiamo con le biciclette per l’attraversamento del lago. Scendiamo dopo 15 minuti circa a Illimitz. Nel pomeriggio ci aspetta un itinerario naturalistico (consigliato il binocolo) su fondo spesso sterrato ma pianeggiante attraverso questa riserva che protegge i più importanti tra i 45 laghi salmastri del Seewinkel. I laghi profondi al massimo 70 cm sono frequentati da circa 300 specie di uccelli alcuni di questi rari come la otarda. All’interno della riserva si trovano alcuni punti eccezionali di osservazione sul lago e sui canneti. Si prosegue per il soggiorno nei dintorni di Podersdorf am see. Cena e pernottamento.
Venerdì 28 luglio 2017 Dintorni di Podersdorf am see – Kitsee (in bici) Kitsee – Bratislava (con mezzi riservati e carrello bici)
Percorso: Bicicletta 47km, dislivello 180mt / con mezzi riservati e carrello bici Kitsee – Bratislava 16 km
Prima colazione. L’ultima tappa della ciclabile del Neusiedlersee ci porta ad attraversare diversi paesini attorno al lago fino ad arrivare a Kitsee, fine del nostro percorso in bicicletta. Saliamo a bordo dei mezzi riservati e raggiungiamo Bratislava (da valutare se possibile arrivare a Bratislava in bicicletta). Sistemazione in hotel. Passeggiata guidata in centro storico.
Cena e pernottamento.
Sabato 29 luglio 2017 Bratislava – Mogliano Veneto
Percorso con mezzi riservati e carrello bici: 650 km
Prima colazione. Carichiamo le biciclette e partiamo per il rientro in Italia. Arrivo a Mogliano Veneto in serata.
Per motivi organizzativi il programma potrebbe subire lievi variazioni, senza alterare il contenuto del viaggio.
Quota a persona in camera doppia Euro 785,00 + 40,00
(il supplemento di 40,00€ e dovuto all’utilizzo di mezzi riservati con carrello anziché bus, a causa del mancato raggiungimento del numero di 35 partecipanti previsti)
Supplemento camera singola (massimo 7 singole) Euro 150,00
Assicurazione annullamento viaggio facoltativa (ma consigliata) Euro 15,00
Obbligatoria la tessera FIAB 2017
( è possibile iscriversi online al seguente link: Iscrizione FIAB Mogliano Veneto 2017 )
Le iscrizioni per i 5 posti ancora disponibili, sono aperte fino al 15 giugno.
La quota comprende:
mezzi riservati con carrello bici da Mogliano Veneto per il programma indicato;
pedaggi e parcheggi inclusi;
7 notti in hotel cat. 3 e 4 stelle, colazione inclusa + cene con bevande;
tassa di soggiorno inclusa;
trasporto bagagli durante i trasferimenti in bicicletta;
accompagnatori dall’Italia sempre con il gruppo;
accompagnatore in loco;
ingresso alla residenza di Fertod;
battello da Morbisch a Illimitz;
assicurazione assistenza medica e copertura bagaglio;
documenti e programma di viaggio personalizzati.
La quota non comprende:
pranzi e bevande e altri pasti non indicati, eventuali ingressi a monumenti;
assicurazione annullamento quota a parte;
eventuale noleggio biciclette e/o biciclette elettriche, mance e tutto quanto non indicato nella quota comprende.
Documenti necessari ai cittadini italiani: passaporto o carta d’identità in corso di validità.
Condizioni speciali:
Pagamenti:
Pagamento dell’intera quota all’atto dell’iscrizione di euro 825,00 a persona entro il 15 giugno 2017;
Penali per cancellazione:
dalla conferma a 60 giorni dalla partenza penale dell’acconto versato + eventuale assicurazione annullamento;
da 59 a 30 giorni prima della partenza penale del 60 % della quota di partecipazione + eventuale assicurazione annullamento;
da 29 15 giorni dalla partenza penale dell’80% della quota di partecipazione + eventuale assicurazione annullamento;
da 14 giorni alla partenza penale del 100% + eventuale assicurazione annullamento.
Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’articolo 17 della legge n. 38/2006:
“La legge italiana punisce con la pena delle reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografa minorile, anche se gli stessi sono commessi all’estero”
Organizzazione Tecnica: Agenzia Viaggi Rallo srl
Referenti FIAB Vivere la bici: Luisa (393 364 6441) e Patrizia (339 169 6671)
Per informazioni scrivere a:  info@touraround.it
Iscrizioni:
– online al seguente link: iscrizione online Ciclovacanza Ungheria insolita 2017;
– in sede dell’associazione il giovedì dalle 17.30 alle 19.00;
* prima dell’iscrizione prendere visione del regolamento dei biciviaggi FIAB cliccando qui
E’ possibile pagare con bonifico bancario alle seguenti coordinate:
Veneto banca (conto intestato all Agenzia Viaggi Rallo srl Mestre)
IBAN: IT 25 W 050 3502 0000 2457 0539 962
causale:
Nome e Cognome di chi fa il bonifico;
Acconto o saldo;
Ciclovacanza FIAB 2017;
dal 22 – 29 luglio 2017 – Ungheria insolita.
Il saldo dovrà essere inviato alle stesse coordinate nei termini previsti.